Giovedì grasso!

Da dove viene questa tradizione?

Oggi è giovedì grasso, quindi tutti mangiamo ciambelle, ma da dove viene questa tradizione? Si scopre che risale all’antica Roma. In questo giorno, si celebrava la partenza dell’inverno e l’arrivo della primavera, in questa occasione venivano organizzate feste grasse, durante le quali le ciambelle erano solo un’aggiunta, un boccone. E non sembravano oggi: erano preparati con pasta di pane e ripieni di pancetta.

[кow]

Il giovedì grasso si chiama grasso solo a causa delle feste durante le quali venivano consumati i piatti: stavano festeggiando celebrando gli ultimi giorni del carnevale, che annunciava il digiuno. Per questo motivo, la giornata era anche chiamata “carne di carne” perché “carne ha lasciato l’uomo” durante il digiuno. È importante sottolineare che la parola “carnivoro” significa lo stesso di “carnevale” – la sua origine è associata al latino-italiano “carne vale” e alla frase “carnem laxare, levare” – che si separa dalla carne.

[/row]

Ciambelle in Polonia

In Polonia, le ciambelle dolci apparvero solo intorno al sedicesimo secolo, ma ancora non sembravano oggi – in alcune di esse al posto di un dolce ripieno di marmellata o marmellata. Si diceva che chiunque lo avesse trovato avrebbe goduto dell’abbondanza.

Ciambelle nel mondo

Ciambelle morbide e dolci che ricordano quelle che stiamo mangiando al giorno d’oggi probabilmente arabi che hanno versato miele, pasta e miele fritto o glassa. Tuttavia, ogni paese è un’usanza – ci sono molte versioni e leggende legate alle ciambelle.

Secondo la leggenda austriaca, nacquero quando il proprietario della pasticceria lanciò un pezzo di pasta lievitata su suo marito con rabbia, che rimbalzando su di lui cadde in una pentola di grasso bollente.

A sua volta, in Germania, una pasticceria a forma di cannone fu inventata da un pasticcere che lavorava nella cucina militare.

Come sapete, negli Stati Uniti le ciambelle sono chiamate donuts e hanno un buco nel mezzo.

In Spagna, sono “prese” o “ciambelle con un buco”. Sono preparati con pasta al vapore, ad esempio su sfoglia.

La varietà italiana di ciambelle è Zeppole e ha la sua festa il 19 marzo (ovvero la festa del papà italiano). Assomigliano ai nostri bignè e sono ripieni di marmellata o panna e sono cosparsi di zucchero a velo.

Il Lokma è una varietà di ciambelle turche: sono piccole palline imbevute di denso sciroppo di zucchero o miele. Sono unti e sufficienti per un boccone, il che è interessante, secondo la tradizione, per i poveri durante le cerimonie funebri.

Alcuni fatti interessanti sulle ciambelle:

si stima che in Polonia giovedì grasso mangiamo 100 milioni di ciambelle!

in una giornata normale, una panetteria media vende circa 500 ciambelle, fino a 30.000 il giovedì grasso

Secondo una ricerca in questo giorno, il 19% dei polacchi intende mangiare almeno una ciambella, 2-3 ciambelle 47% e più di 3 ciambelle – il 24% degli intervistati. Tuttavia, il 9% non ha intenzione di mangiarli affatto

Durante l’ottavo Campionato di Poznań a mangiare ciambelle in tempo, il vincitore ha mangiato 10 ciambelle in 5 minuti …

“Ciambella” in tedesco è “Pfannkuchen” che significa lo stesso pancake.

E cosa fare per bruciare una ciambella? Tutto ciò che serve è 46 minuti di camminata veloce o 1 ora e 39 minuti di digitazione su un computer

Organizza una festa grassa il giovedì grasso!

Se desideri organizzare un evento spontaneo il giovedì grasso, potrai ordinare da noi e ritirare le bande di ingresso tyvek e cinta. Sono disponibili in diversi colori in modo da poter dividere gli ospiti in gruppi (ad es. Gruppo da ciambelle tradizionali, gruppo da ciambelle e faworki😉). Naturalmente, possiamo anche stampare bellissime ciambelle unte, ciambelle ghiacciate o ali fragili sulle fasce d’ingresso entrance🍩

Oggi puoi mangiare impuniti tutti i tipi di ciambelle: questo è l’unico giorno speciale dell’anno 😉 Ti auguriamo solo deliziosi!

Questo elemento è stato inserito in Blog. Aggiungilo ai segnalibri.